domenica 31 gennaio 2016

Paccheri al ragù di polpettine

Oggi ho rispolverato il grande ragù della domenica della mia mamma, che con dovizia e meticolosità preparava la domenica di buon mattino e, mentre il ragù terminava la cottura, lo sentivi  proprio nell'aria l'odore della domenica e, credetemi, era comunque festa. Per 4/6 persone.

  • 400 gr di pasta formato paccheri (ma vanno bene anche tipo lumache, pipe, conchiglie...);
  • 500 gr di carne trita mista: manzo e maiale;
  • 500 ml di passata di pomodoro;
  • 2 carote e 2 gambi di sedano, tritati finemente;
  • 1 cipolla grande dolce, tritata;
  • 1 peperoncino rosso privato dei semi, tritato;
  • mezzo bicchiere di vino rosso;
  • 1 uovo bio;
  • 1 foglia d'alloro;
  • origano secco;
  • basilico fresco;
  • 100 gr di parmigiano grattugiato fresco;
  • olio d'oliva evo;
  • sale marino e pepe nero;

Mettere la carne trita in una ciotola e condire con una presa di sale, una spolverata di origano e 1 di pepe, l'uovo e 1 cucchiaio di parmigiano e impastare bene quindi sciacquarsi le mani e, mentre sono bagnate formare delle polpettine molto piccole. In un tegame ben caldo versare 3 cucchiai di olio di oliva, la cipolla e le verdure e fare rosolare a fuoco medio per 10 minuti quindi verdure le polpettine e la foglia di alloro e fare rosolare a fuoco vivace fino a che diventano colorite. Sfumare con il vino e fare evaporare quindi versare la passata e diluire con 2 bicchieri di acqua o brodo e fare cuocere il ragù per un'oretta circa, mescolando di tanto in tanto (deve asciugare moderatamente), assaggiando e regolando di gusto. Cuocere la pasta per il tempo indicato sulla confezione, scolare e versare nel tegame con il ragù, aggiungere 1 cucchiaio di parmigiano mescolando bene per assemblare i sapori. Impiattare, decorare con foglie di basilico fresco e servire con parmigiano a piacere.

sabato 30 gennaio 2016

Caserecce ai cipollotti di stagione

Una carbonara tutta vegetariana, con cipollotti di stagione, dell'ottimo cognac e prezzemolo fresco...un piatto da godere nella tranquillità della propria tavola! Le dosi indicate bastano per 4 persone.

  • 350 gr di pasta formato caserecce;
  • 4 cipollotti freschi, tritati;
  • 1 uovo intero e un tuorlo, da allevamenti bio;
  • 60 gr di parmigiano grattugiato fresco;
  • 30 gr di burro;
  • 50 ml di cognac;
  • mezzo mazzetto di prezzemolo fresco, tritato finemente;
  • olio d’oliva extravergine;
  • sale marino e pepe nero appena macinato.

Cuocere la pasta in abbondante acqua salata e intanto preparare il condimento: versare i cipollotti in una padella calda e farli stufare a fuoco dolce nel burro insieme a 2 cucchiai di olio, quindi bagnare con il cognac, lasciar evaporare, aggiungere poca acqua di cottura della pasta e cuocere qualche minuto.
Sbattere l'uovo e il tuorlo con sale, pepe e 2 cucchiai di parmigiano grattugiato. Scolare la pasta al dente, saltarla in padella con i cipollotti e qualche cucchiaio di acqua di cottura e mescolare bene lasciando insaporire quindi spegnere il fuoco e aggiungere le uova continuando a mescolare e saltare la pasta fino a che si forma una specie di salsina morbidissima. Impiattare nei piatti già caldi, cospargere di pepe nero e prezzemolo e portare subito in tavola, accompagnando con altro parmigiano a piacere.

venerdì 29 gennaio 2016

Focaccine veloci facilissime (da fare con i bambini)

Fatevi aiutare dai bambini durante la preparazione di queste meravigliose focaccine e sarà un divertimento.
Ingredienti per circa 10-12 focaccine
  • 300 gr di farina 00;
  • 170 ml di acqua;
  • 1 pizzico di sale;
  • 2 cucchiaini di lievito per torte salate o pizza istantanea;
  • 1 cucchiaio di olio di oliva;
Mettete la farina in una ciotola, aggiungete il cucchiaio di olio, il pizzico di sale e il lievito (potete non metterlo e saranno buone ugualmente), quindi aggiungere gradatamente l'acqua mescolando con un cucchiaio di legno. Versare il composto sul piano da lavoro e invitate i bambini a continuare con voi, impastando con le mani fino ad ottenere un panetto morbido e non appiccicoso. Fare scaldare una padella antiaderente e dividere il panetto in tanti pezzi quante focaccine volete preparare che potete stendere con le mani o con il matterello dandogli la forma che preferite. Oppure potete stendere l’impasto in modo sottile e con un tagliapasta ricavare le focaccine che saranno tutte della stessa forma. Usare una forchetta per bucherellare i dischetti di pasta o praticare dei piccoli tagli (ciò eviterà che si gonfino come palloncini durante la cottura), sistemarli in padella, poco distanti le une dalle altre e cuocere per circa 3 o 4  minuti (a seconda dello spessore) girandole di tanto in tanto fino a che non risultano ben dorate. Le focaccine sono ottime calde calde, condite con olio d'oliva, sale, pepe e origano e si conservano in carta da pane o sacchetti per alimenti una volta raffreddate.

mercoledì 27 gennaio 2016

Kebab di frittata con olive e pomodorini

Assolutamente sfiziosi e spiritosi questi spiedini di frittata, da preparare in anticipo per una gita o un picnic, oppure potete variare aggiungendo le verdure che più vi piacciono. Per 6/8 persone.

  • 6 uova grandi bio;
  • 2 cucchiai di grana grattugiato;
  • 1 cucchiaio di pangrattato;
  • 1 spicchio d'aglio piccolo;
  • 300 gr di pomodorini ciliegia;
  • olive verdi, denocciolate;
  • olio d'oliva evo;
  • sale marino e pepe nero q.b.
  • 2 o 3 steli di prezzemolo tritato
  • insalatina novella per accompagnare;
Sbattere bene le uova in una ciotola, quindi aggiungere il formaggio, il pan grattato, l'aglio spremuto allo spremiaglio e il prezzemolo quindi condire di sale e pepe e mescolare bene. Versare in uno stampo rettangolare di 18 x 24 cm circa già unto con olio d'oliva e passare in forno caldo a 180° per circa 20/25 minuti fino a completo rassodamento della frittata quindi sfornare, fare raffreddare e poi tagliare a cubetti facendo 4 tagli partendo dal lato corto e 7 tagli dal lato lungo per ottenere 40 bocconcini ( ma comunque dipende dalla misura della teglia che utilizzate e se è rotonda regolatevi voi di conseguenza). Assemblare gli spiedini alternando pomodorini, olive e bocconcini di frittata fino ad esaurimento degli ingredienti. A piacere potete usare delle verdure affettate tipo melanzane, zucchine e peperoni, ungere con un po' d'olio gli spiedini preparati e passare 5 minuti sotto il grill o sulla piastra calda. Insalata novella a volontà per accompagnare.

lunedì 25 gennaio 2016

Linguine alla crema di peperoni e pancetta

Se state cercando un sapore nuovo per le vostre amate linguine, provate la crema di peperoni gialli...sarà una pura goduria per il vostro palato. Per 4 persone

  • 320 gr di pasta tipo linguine o pappardelle;
  • 250 gr di ricotta fresca;
  • 150 gr di bacon o pancetta affumicata;
  • 2 peperoni gialli;
  • 1 cipolla rosa dolce;
  • rosmarino, timo, maggiorana;
  • 80 gr di parmigiano grattugiato;
  • olio d’oliva evo;
  • sale marino e pepe nero appena macinato;

Imbiondire la cipolla tritata in una padella con 3 cucchiai d'olio d'oliva; unire i peperoni gialli tagliati a listarelle, fare rosolare e portare a cottura (eventualmente aggiungendo un po' di acqua se asciugano troppo). Frullare i peperoni con il frullatore ad immersione (tenerne qualcuno da parte per la decorazione del piatto) fino ad ottenere una crema densa quindi aggiungere la ricotta, 2 cucchiai di parmigiano grattugiato, un pizzico di sale e mescolare bene, assaggiando per regolare di gusto. Nel frattempo far cuocere le pappardelle, che dovranno essere al dente.
In una padella rosolare con 1 cucchiaio d’olio d’oliva la pancetta affumicata, tagliata a dadini. Scolare le pappardelle (tenendo da parte un po' d'acqua di cottura), versarle nella padella con la pancetta e aggiungere la salsa di peperoni ed eventualmente un mestolo di acqua della pasta. Rimestare velocemente sul fuoco, aggiungendo ancora un po' di parmigiano, del pepe macinato al momento e un trito fine di rosmarino, timo e maggiorana. Decorare con i filetti di peperone tenuti da parte e servire ben caldo

domenica 24 gennaio 2016

Crepes al ragù di tofu alla bolognese in salsa di pomodoro

Credetemi, anche i palati più esigenti gusteranno questo piatto vegetariano e ne tesseranno le lodi per il gusto così spartano e casereccio. Le crepes, preparate come si fa con i cannelloni di pasta fresca, conquisteranno i vostri commensali. Per 4 persone.
per le crepes:
  • 120 gr di farina 00;
  • 200 ml di acqua;
  • 3 uova;
  • 1 cucchiaio di olio d'oliva;
per il ragù di tofu:
  • 200 gr di tofu;
  • 1 cucchiaino di semi di finocchio in polvere;
  • mezzo cucchiaino di semi di cumino in polvere
  • 1 cucchiaino raso di curcuma;
  • 2 foglie d'alloro;
  • 2 funghi bianchi prataioli;
  • mezzo bicchiere vino rosso;
  • 400 ml di passata di pomodoro;
  • 2 cipolle, 1 grossa carota e 2 coste di sedano;
  • olio extravergine di oliva q.b.
  • sale marino e pepe nero;
Per preparare questo finto ragù alla bolognese, utile per farcire diverse preparazioni, occorre prima di tutto lavare con cura sedano, carote e 1 cipolla ed affettare finemente il tutto, quindi rosolare bene in una padella calda con 2 cucchiai di olio d'oliva per 20 minuti circa lasciando stufare bene le verdure. Intanto pulire e affettare finemente i funghi, sbriciolare il tofu con una forchetta e versare in una padella antiaderente calda con 1 cucchiaio di olio d'oliva, aggiungere gli aromi in polvere: finocchio, cumino, curcuma e rosolare a fuoco vivace per 5 minuti circa, salando e pepando, quindi sfumare con il vino e versare il tutto nella padella con le verdure già rosolate, aggiungere 100 ml di passata di pomodoro, 1 foglia d'alloro, assaggiare per regolare di gusto, quindi coprire e cuocere a fuoco medio per altri 10 minuti o fino a quando il ragù si asciuga leggermente. 
Con la seconda cipolla tritata finemente e rosolata in 2 cucchiai di olio d'oliva, 300 ml di passata di pomodoro, 1 bicchiere di acqua o brodo vegetale e 1 foglia d'alloro preparare la salsa per la preparazione del piatto che andrà frullata con il frullatore ad immersione, a fine cottura. Cuocere per 10 minuti circa assaggiando per regolare di sale e pepe  e intanto preparare le crepes.
Setacciare 120 gr di farina in una ciotola, fare un buco al centro e rompervi le uova quindi con una forchetta cominciare a mescolare portando la farina nell'incavo e poi aggiungere gradatamente 200 ml di acqua e 1 cucchiaio d'olio fino ad ottenere un composto liscio. Fare riposare il composto, coperto per 30 minuti. Scaldare una padella per crepes di 18 cm circa, ungere con un tovagliolo bagnato nell'olio e appena è ben calda versare con un mestolino una quantità sufficiente a coprire il fondo sottilmente, girando la padella per aiutare il composto a spargersi e fare dorare, quindi con la paletta girare la crepes e dorare anche l'altro lato. Mettere la crepes pronta su un piatto coperto da un tovagliolo e preparare le altre fino ad esaurimento del composto (ne otterrete circa 12).
Farcire le crepes con un cucchiaio di ragù, arrotolarle e sistemarle in una pirofila da forno, quindi bagnare con la metà della salsa di pomodoro e infornare in forno caldo a 200° per 5 minuti. Per servire versare sul fondo dei piatti 1 cucchiaio di salsa di pomodoro ben calda quindi sistemarvi sopra 3 crepes e servire decorando con 1 foglia di prezzemolo o basilico fresco.

sabato 23 gennaio 2016

Crepes con pollo e prosciutto

Non avete alcuna idea per la cena? Preparate le crepes e andranno a ruba. Per 4 persone.

  • 160 gr di farina 00;
  • 600 ml di latte;
  • 2 uova;
  • 2 petti di pollo, lessati (oppure avanzati del pollo arrosto del giorno prima) e tagliati a striscioline;
  • 2 fette un po' spesse di prosciutto cotto, tagliato a striscioline;
  • 80 gr di formaggio cheddar o groviera grattugiato grossolanamente;
  • un pizzico di noce moscata;
  • 1 cucchiaio di senape piccante;
  • olio d'oliva evo;
  • sale e pepe q.b.
  • prezzemolo riccio per decorare il piatto
  • insalata mista di stagione;
Setacciare 120 gr di farina in una ciotola, fare un buco al centro e rompervi le uova quindi con una forchetta cominciare a mescolare portando la farina nell'incavo e poi aggiungere gradatamente 300 ml di latte e 1 cucchiaio d'olio fino ad ottenere un composto liscio. Fare riposare il composto, coperto per 30 minuti. Scaldare una padella per crepes di 18 cm circa, ungere con un tovagliolo bagnato nell'olio e appena è ben calda versare con un mestolino una quantità sufficiente a coprire il fondo sottilmente, girando la padella per aiutare il composto a spargersi e fare dorare, quindi con la paletta girare la crepes e dorare anche l'altro lato. Mettere la crepes pronta su un piatto coperto da un tovagliolo e preparare le altre fino ad esaurimento del composto (ne otterrete circa 12).
Versare il resto della farina in un pentolino e aggiungere gradatamente il latte, quindi portare a bollore per 3 minuti, mescolando sempre. Aggiungere il pollo, il prosciutto, la senape, un pizzico di sale e pepe, la noce moscata e fare scaldare bene il tutto senza fare bollire. Distribuire il composto sulle crepes, poi arrotolare oppure piegare in quattro e sistemare in una teglia, coprire con un foglio di alluminio e infornare a 200° per 10 minuti. Servire calde decorando con prezzemolo riccio e accompagnando con insalatina di stagione.

venerdì 22 gennaio 2016

Tortino tofu e spinaci

Alla semplice frittata con spinaci oggi aggiungiamo il tofu che, con la sua delicatezza e debitamente condito, farà di questa semplice frittata un delizioso tortino, ottimo sia caldo che freddo, servito a spicchi come antipasto oppure a dadini e sistemato con pomodorini e verdure di stagione su spiedini e appena grigliate sotto il grill... lascio alla vostra fantasia i miei spunti di lavoro e buon appetito. Per 4 persone.
  • 300 gr di spinaci freschi oppure surgelati;
  • 100 di tofu;
  • 2 cipollotti, tritati compresa la parte verde;
  • 1 cucchiaino di noce moscata grattugiata;
  • 5  uova;
  • 2 cucchiai di pangrattato, più extra per lo spolvero della teglia;
  • 1 cucchiaino di lievito alimentare secco in polvere(o 1 cucchiaio di formaggio grattugiato se non avete problemi con i latticini);
  • sale marino e pepe nero appena macinato;
  • olio extravergine d'oliva;
In una padella ben calda versare 3 cucchiai di olio d'oliva e rosolare brevemente i cipollotti tritati, quindi aggiungere gli spinaci tagliuzzati oppure quelli surgelati e rosolare per 10 minuti circa fino a quando il tutto è ben asciutto (scongelare preventivamente gli spinaci togliendoli qualche ora prima dal freezer se non usate quelli freschi), quindi unire il tofu sbriciolato con una forchetta e condire con sale, pepe e la noce moscata, continuando a rosolare per altri 3 o 4 minuti, quindi spegnere e fare intiepidire. Intanto rompere le uova in una ciotola, aggiungere un pizzico di sale, il lievito secco, il pangrattato e una spolverata di pepe nero, sbattendo bene con una forchetta quindi aggiungere gli spinaci preparati, mescolare e versare il tutto in una teglia da forno unta d'olio e cosparsa di pangrattato e infornare a 180° per 25/30 minuti fino a doratura.

mercoledì 20 gennaio 2016

Pappardelle al ragù di pescespada

Per questo piatto al sapore di mare provate le pappardelle di pasta fresca, magari se fatta da voi, e scoprirete un gusto e una delicatezza che non avete mai provato in un primo piatto.
Dosi per 4 persone.

  • 500 gr di pasta fresca tipo pappardelle;
  • 200 gr di pomodorini ciliegia;
  • 150 gr di olive verdi e nere snocciolate;
  • 300 gr di pesce spada a dadini;
  • 4 filetti di acciuga sott'olio; 
  • 1 spicchio di aglio;
  • un mazzetto di prezzemolo;
  • 1 peperoncino fresco;
  • olio d’oliva evo;
  • sale marino e pepe nero appena macinato;

Saltare in padella i dadini di pesce con due cucchiai di olio e l’aglio; scolarli quando sono dorati,
salarli e lasciarli da parte. Versare nella stessa padella altri due cucchiai di olio d’oliva, quindi
stemperare le acciughe; aggiungere i pomodori spaccati a metà e le olive; fare insaporire per 2-3
minuti; bagnare con un mestolo di acqua e lasciare sobbollire per 10 minuti. Regolare di sale,
rimettere in padella il pesce e insaporire con il prezzemolo tritato e il peperoncino tritato finemente.
Intanto cuocere la pasta, scolarla, lasciando da parte un po' d'acqua di cottura e farla saltare in padella per un minuto a fuoco vivo, mescolando bene. Completare con un filo di olio d’oliva a crudo e servire subito.

martedì 19 gennaio 2016

Polenta con salmone e uova in camicia

Pomeriggio piovoso? Provate in cucina quella ricettina che vi frullava per la testa, il tempo passerà velocemente e intanto avete preparato una sicura leccornia. A me girava da tempo in testa questa ricetta con la polenta e il salmone e vi suggerisco di provarla perchè è buonissima. Per 4 persone.


  • 300 g di farina per polenta bianca;
  • 4 uova bio;
  • 120 g di salmone affumicato; 
  • 1 porro; 
  • mezzo bicchierino di brandy; 
  • aceto di vino bianco;
  • qualche bacca di pepe rosa; 
  • olio extra vergine di oliva; 
  • sale marino grosso;
Pulire, affettare e rosolare il porro con 2 cucchiai di olio e 2 cucchiai di acqua per 5 minuti. Nel frattempo tagliare il salmone a striscioline, unitelo al porro, alzate la fiamma, bagnate con il brandy e fare evaporare. Spegnete e tenete in caldo.
Cuocete la polenta. Portate a ebollizione 1,2 litri di acqua, unite una manciatina di sale grosso, versate a pioggia la farina, sbattendo con una frusta, e cuocete la polenta per 45 minuti, mescolando con un cucchiaio di legno.
Cuocere le uova in camicia. Versare 1 litro di acqua in una casseruola a bordi bassi, aggiungere un pizzico di sale e 2 cucchiai di aceto e portare al limite dell'ebollizione. Rompere un uovo alla volta in un piattino e fare scivolare dolcemente nell'acqua. Cuocere per 3 minuti, finché l'albume sarà rappreso e. scolare su carta da cucina.
Suddividere la polenta pronta in 4 piatti, facendo un incavo nel centro di ciascuna porzione, in modo da creare una sorta di nido. Mettete nell'incavo l'intingolo di porro e salmone, disporvi sopra 1 uovo in camicia e decorate con le bacche di pepe rosa. Servite subito ben caldo.
Uova e pesce affumicato danno il giusto sapore alla delicata polenta bianca

lunedì 18 gennaio 2016

Caponata di carciofi, ricetta vegana

Ed eccoci al lavoro con i carciofi di stagione: belli, sodi ma soprattutto sani. Sono gli alleati migliori del nostro fegato e sanno far gioire il piatto con numerose preparazioni tutte all'insegna della genuinità e del vivere sani mangiando bene. Le dosi indicate bastano per 4 persone.

  • 6 carciofi freschi;
  • 1 cipolla rosa o bianca, tritata finemente;
  • 250 ml di passata di pomodoro;
  • 80 gr di olive nere calabresi;
  • 100 gr di battuto di sedano e carota;
  • 1 limone;
  • olio d'oliva evo;
  • sale e pepe nero;
  • 1 foglia d'alloro;
  • 50 ml di vino bianco;
  • 1 cucchiaio di zucchero;
  • a piacere, 1 cucchiaino di capperi in salamoia;
  • una spolverata di origano;

Pulire i carciofi togliendo tutte le foglie esterne e la parte finale spinosa e gettare i cuori così ottenuti in una ciotola con acqua e il succo del limone, quindi affettare in piccoli spicchi tuffandoli sempre nell'acqua acidulata e lasciandoli in ammollo una decina di minuti. Intanto in una padella calda versare 4 cucchiai di olio, la cipolla e il battuto di sedano e carote e fare rosolare per 5 minuti, quindi scolare bene i carciofi e versare nella padella con il battuto continuando a soffriggere per altri 5 minuti, sfumare con il vino, salare e pepare quindi versare la passata diluita con 250 ml di acqua, la foglia di alloro, i capperi (se li state usando) e le olive e lasciare in cottura, a fuoco moderato per 10 minuti. Aggiungere lo zucchero e assaggiare per regolare di gusto, spolverare con l'origano e mescolare lasciando cuocere ancora qualche minuto. Servire sia caldo che freddo come antipasto, contorno oppure come secondo, assolutamente vegano.

venerdì 15 gennaio 2016

Frittata finta: al pesto e taccole oppure al formaggio ed erbette

Oggi aggiungo un suggerimento per la frittata finta già postata ieri. Utilizzeremo 2 teglie da 20 cm di diametro per la nostra farinata che condiremo semplicemente con dei fagiolini o delle taccole e del pesto di basilico. Una ricetta da provare subito. Le dosi indicate bastano per 4 persone.

per le frittate:
  • 180 gr di farina di ceci;
  • 500 ml di acqua;
  • 1 cucchiaino di sale;
e per condire:
  • 200 gr di fagiolini o taccole, lessati;
  • 2 cucchiai di pesto di basilico;
  • 2 cucchiai di pinoli;
  • 50 gr di formaggio grana intero;
  • olio extravergine di oliva q.b.
  • 100 gr di formaggio gorgonzola fresco
  • erbette e insalatine novelle miste:
  • erba cipollina e pepe nero;
Stemperare la farina nell'acqua salata e fare riposare l'impasto almeno 4 ore, quindi dividere la crema così ottenuta in 2 teglie da 20 cm di diametro, aggiungere 2 cucchiai di olio in ognuna e infornare a 250° per 12 minuti circa accendendo il grill negli ultimi 3/4 minuti.
Sfornare le farinate e condire con i fagiolini lessati e conditi ancora caldi con il pesto diluito con un cucchiaio di acqua di cottura dei fagiolini e cospargere il tutto con scaglie di grana, i pinoli tostati qualche minuto in un piccolo padellino e un filo d'olio.
Oppure condire ancora calde con il gorgonzola a scaglie e le erbette fresche, una spolverata di pepe nero, l'erba cipollina tritata finemente e un filo d'olio.



lunedì 4 gennaio 2016

Frittata vegetariana finta, senza uova, saporita e gustosa con la farinata

Oggi torniamo a occuparci di cucina vegetariana, recuperando le antiche ricette della nonna quando la cucina era solo l'arte di arrangiarsi per mettere qualcosa sotto i denti, quando le frittate si facevano senza uova e si usava il pangrattato abbrustolito al posto del formaggio...Oggi parleremo della farinata di ceci, non nella sua classica ricetta semplice ma appena arricchita con verdure e aromi per un'aspetto e un gusto più accattivante. Per 8 persone.

  • 350 gr di farina di ceci;
  • 1 litro di acqua;
  • 2 cucchiaini di sale;
  • 1 peperone rosso, arrostito e spellato;
  • mezzo mazzetto di prezzemolo;
  • 2 cimette di menta;
  • 2 spicchi d'aglio;
  • 12 filetti di acciughe sott'olio;
  • olio d'oliva extra vergine;
  • sale e pepe nero;
  • 8 stampi per crostatine da 10 cm di diametro;
Stemperare la farina nell'acqua salata e fare riposare l'impasto almeno 4 ore. Tagliare il peperone spellato a listarelle sottili e condire con sale e olio di oliva. Tritare finemente il prezzemolo con la menta, gli spicchi d'aglio e 4 filetti di acciuga, condire il trito con 1 filo d'olio e tenere da parte. Suddividere la crema di farina di ceci negli stampini da crostatina dove abbiamo versato prima 1 cucchiaino di olio. Aggiungere qualche strisciolina di peperone e infornare in forno caldo a 250° per 12 minuti quindi sfornare e condire con i peperoni, un po' di trito di prezzemolo e, a pacere, 1 filetto di acciuga. Sono buonissime sia calde che fredde.


venerdì 1 gennaio 2016

Rotolo aromatico al salmone

Ottimo come antipasto, va preparato il giorno prima per dare modo agli ingredienti di consolidarsi bene.
L' idea la passa la rivista Sale e Pepe con una presentazione sicuramente d'effetto, mentre il gusto è un'ottima armonia degli ingredienti. Ho rifatto la ricetta domenica scorsa ed è piaciuta proprio a tutti. Le dosi indicate bastano per 8 persone.
Per il rotolo

  • 125 gr di farina 00;
  • 7 uova bio;
  • 60 gr di burro fuso più extra per ungere;
  • 1 cucchiaio di senape;
  • 1 cucchiaio di aneto fresco tritato;
  • sale marino e pepe nero q.b.

per il ripieno:

  • 300 gr di salmone affumicato a fette;
  • 200 gr di formaggio spalmabile;
  • 2 cucchiai di mascarpone;
  • 1 zucchina e 1 carota;
  • 1 limone bio;

per la copertura:

  • 50 gr di mascarpone;
  • 125 di formaggio spalmabile;
  • 30 gr di gherigli di noci brasiliane;
  • qualche rametto di aneto;
Cominciamo preparando il rotolo: foderare una teglia da 25 per 32 cm con carta forno leggermente imburrata. In una ciotola versare i tuorli delle uova e unire la senape, l'aneto, sale e pepe e mescolare, quindi aggiungere la farina amalgamando bene con una frusta per evitare la formazione di grumi. A parte montare gli albumi a neve ferma e unire al composto di tuorli. Versare l'impasto nella teglia già preparata e infornare a 200° per 10 minuti circa. Sfornare e capovolgere il tutto su un nuovo foglio di carta forno quindi staccare il foglio precedente di cottura e, delicatamente, arrotolare e lasciare raffreddare. Per il ripieno tagliare a julienne la carota e la zucchina lavate e spuntate e sbollentare pochi minuti in acqua bollente e salata, quindi scolare e fare raffreddare.
In una ciotola mescolare il formaggio, il mascarpone, la scorza grattugiata del limone e condire di sale e pepe. Srotolate il rotolo freddo su un foglio di alluminio e spalmare i 2/3 della crema al formaggio, distribuire su tutta la superficie i bastoncini di verdura, coprire con le fette di salmone e infine distribuire il resto della crema rimasta. Arrotolare nuovamente il rotolo chiudendolo nell'alluminio e fare riposare in frigo per 12 ore.
Per la copertura mescolare i 2 formaggi e condire con un pizzico di sale e pepe. Liberare il rotolo dall'alluminio, ricoprire tutta la superficie con la crema di formaggio e decorare con l'aneto e le noci tritate, affettare e servire freddo.