venerdì 9 ottobre 2015

La mattonella palermitana

Ed eccomi di nuovo alle prese con una ricetta della mia Palermo: la mattonella. Prodotto da forno riccamente condito, insieme ai calzoni, le arancine , il pane e panelle e le crocchè, fa parte della tipica colazione palermitana e la cosa più importante è che il prodotto sia appena sfornato e caldissimo ed è comunque è gradita a tutte le ore. Deve il suo nome alla forma, infatti nasce in una teglia rettangolare grande e poi va suddivisa in porzioni che risultano di forma quadrata di circa 12 x 12 cm , la tipica forma delle mattonelle.
Le dosi bastano per una teglia bassa di circa 30 x 35 e tagliare in 9 porzioni

La mattonella palermitana
  • 500 gr di farina “00”;
  • 60 gr di zucchero;
  • 50 gr di strutto;
  • 300 ml di acqua tiepida;
  • 25 gr di lievito (1 cubetto),
  • 10 gr di sale.

Occorrente per il ripieno:

  • 300 gr: di prosciutto tagliato non troppo sottile,
  • 300 gr: di treccione di mozzarella ben asciutto,
  • 1 conf. da 400 gr di pelato a pezzettini già condito con olio, sale e origano
  • Olio d’oliva, origano, sale e pepe,
  • 1 tuorlo d’uovo per lucidare,
  • Semi di sesamo.

Sciogliere il lievito nell'acqua tiepida insieme allo zucchero e versare nella ciotola della planetaria con il gancio impastatore, avviare la macchina e versare la metà della farina, lo strutto morbido e il sale. Fare lavorare per 5 minuti quindi aggiungere a poco a poco il resto della farina e lavorare altri 10 minuti. Togliere l’impasto dalla ciotola e ripassarlo sulla spianatoia infarinata per qualche minuto ancora: l’impasto deve essere liscio e ben omogeneo, dividere in 2 parti, una un poco più grande dell'altra, che sistemeremo su un piano infarinato, coprire con una tovaglia leggera e fare lievitare un’oretta in ambiente caldo( per intenderci: con la finestra chiusa e niente spifferi) quindi spianare la pasta più grande con il mattarello e formare un rettangolo che possa coprire il fondo della teglia già unta di olio e i bordi, che condiremo prima con un sottile strato di pomodoro, poi il prosciutto, la mozzarella, (a piacere pure wurstel e funghi) poi richiudere con l'altra metà della pasta anch'essa spianata rettangolare e richiudere con i bordi della pasta inferiore ripiegando  su quella di sopra. Spennellare la superficie con il rosso dell'uovo sbattuto e cospargere con i semi di sesamo. Fare lievitare altri 30 minuti prima di infornare a 200° per 15 minuti. La superficie deve risultare lucida e ben dorata. Servire ben calda
N.B. con lo stesso impasto si possono fare pizzette, rollò con wurstel e focaccine condite con sale, olio, origano e rosmarino.

Nessun commento:

Posta un commento